Rieletto il Consiglio uscente

07/03/2011

Rieletto il Consiglio uscente
Alla fine il popolo della Canottieri si è espresso: per i prossimi 3 anni la società sarà gestita dal Consiglio uscente, il cui progetto di lavoro è stato apprezzato. Le preferenze di 1.206 votanti hanno confermato in modo massiccio Diego Rossi (82%), Antonella Guidi ed Alberto Baraldi (74%), Federico Mazzoli (73%), Gianpaolo Beghi (72% e record storico: è il primo consigliere eletto all'estero), Velia Setti (71%), ed hanno dato fiducia al nuovo consigliere indicato dal gruppo uscente, Stefano Sassi (70%). Nelle scorse elezioni avevano votato 1.758 Soci, ma allora i candidati erano 14, divisi in due liste opposte, ed inoltre il consiglio uscente non si era ricandidato. In questa tornata c'era un solo sfidante, che si ferma al 26%. Paolo Bellini in assemblea ha spiegato così i motivi della sua candidatura: "Una situazione personale mi ha fatto aprire gli occhi. Nelle varie discipline della Canottieri si da troppo spazio ai figli di non Soci, che addirittura si vedono costretti ad andare in altre società. Parlo in particolare del nuoto, dove sono stati stretti accordi con altre società della provincia. Lo statuto prevede che lo scopo sociale sia di offrire ai soci le migliori condizioni di accesso allo sport. Non agli esterni. Inoltre credo che si sia dato troppo spazio alla crescita agonistica, tralasciando il divertimento". Su questa idea anche Lorenza Faveri, "ho dovuto togliere i miei figli dalla squadra di nuoto perchè mancava la componente dell'educazioni ai valori dello sport, mentre è pregnante quella agonistica e del risultato. Chiedo maggiore trasparenza nei programmi di allenamento e interazione con la scuola". La risposta a questi due interventi Diego Rossi l'aveva già data parlando nel suo intervento illustrativo; il presidente ha illustrato quanto fatto nel triennio, dalle nuove opere all'interno della sede alla riorganizzazione del settore tecnico ed amministrativo. Inoltre ha parlato a lungo della gestione degli sport: "Fare sport alla Cano significa farlo con la "S" maiuscola. Quando siamo arrivati abbiamo trovato un gruppo di 170 atleti, con un investimento di € 213.887. Ci siamo impegnati a rifondare alcuni settori, in particolare nuoto, canottaggio e tennis, cambiando o integrando gli staff tecnici con professionisti di prim'ordine. Nel nuoto, ad esempio, abbiamo ingaggiato il migliore, Giancarlo Agosti. Oggi i nostri vivai contano 433 atleti, per cui investiamo 436.667 euro. In proporzione sono 704 euro ad atleta, contro i 1.239 del passato. In alcune discipline siamo costretti a privilegiare la componente agonistica perchè non abbiamo strutture nostre. Il nuoto ricade in questo caso, ci piacerebbe organizzare corsi di nuoto anche in inverno come facciamo d'estate, ma siamo già costretti a lottare per avere le poche corsie che ci concedono oggi. Per quanto riguarda l'attività ricreativa e ludica, abbiamo costruito un progetto importante ripensando l'idea di campus estivo, integrato con ore di gioco nelle sei discipline statutarie della Canottieri".
A dare man forte al consiglio Pierantonio Masotto, fresca Palma di bronzo al merito tecnico (premio Coni) : "Mi occupo da anni di sport, ho anche fatto parte di alcuni consigli di amministrazione e posso garantire sulla serietà dei programmi impostati da questa dirigenza. Se non dovessero essere confermati quali responsabili della Gruppi Sportivi, me ne andrei anche io".
Intervento inerente al bilancio per Adriano Cattaneo: "In una assemblea importante come questa avrei voluto che il bilancio fosse stato espresso in maniera più dettagliata. Ad esempio non riesco a capire quanto siano costati i campionati italiani di canottaggio". Risposta di Rossi. "Non abbiamo mai nascosto le cifre, il bilancio è espresso nella forma richiesat dalla legge. La spesa per gli assoluti, o meglio per acquistare i pontili di partenza e per riallestire il campo si aggira sui 90.000 euro. Ed ora siamo un campo di canottaggio che la Federazione ritiene punto di riferimento a livello italiano". Il bilancio è stato approvato a maggioranza per alzata di mano. Nessun contrario, 4 astenuti, poi le votazioni, fino alle 17, i cui risultati sono elencati sotto.
Per chi fosse interessato nella sezione video sono presenti le registrazioni di tutta l'Assemblea.

eletti:
1. Diego Rossi 993
2. Antonella Guidi 894
3. Alberto Baraldi 894
4. Federico Mazzoli 884
5. Gianpaolo Beghi 874
6. Velia Setti 865
7. Stefano Sassi 849
non eletto:
1. Paolo Bellini 325


Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Omeganet - Internet Partner