Tuffi: Ai nazionali bene Gandolfi, Lo Giudice e Vecchi

25/07/2008

ROMA - Dopo il 6° posto di Sara Borghi ai nazionali di Milano, i tuffatori della Canottieri Mincio riportano un altro successo, l'ottavo posto di Chiara Gandolfi ai campionati italiani juniores, con una performance apprezzata da tutti: "L'applauso trasversale del Foro Italico proprio non ce lo aspettavamo" il commento Massimo Nibioli rientrato da Roma. La Gandolfi ha ottenuto il miglior piazzamento personale di sempre, sia come piazzamento che come punteggio, con cui ha sfiorato la qualificazione per gli assoluti: "Sono molto soddisfatta, anche se ho fatto un paio di errori che potevo evitare".
Per vedere all'opera i tuffatori:

Una storia atipica per i tuffi, pur iniziando tardi, la giovane targata Canottieri Mincio in due anni e mezzo si trova a gareggiare alla pari con atlete di esperienza decennale: “Ormai mi conoscono, molte quando tuffo mi guardano con curiosità, per vedere se sono migliorata. Tra un tuffo e l’altro ho ricevuto i complimenti anche da altri allenatori, e qualche proposta per il futuro”. Gandolfi ha infatti una altro anno di liceo, e poi andrà all’università “Forse a Trieste, dove c’è una buona scuola di tuffi, anche se per adesso l’unico contatto l’ho avuto con Italo Salice, ex olimpionico che allena a Roma”. In gara anche dal metro, Gandolfi si è piazzata 10°, davanti alla compagna Ludovica Lo Giudice, atleta di qualità che paga una pausa negli allenamenti per dedicarsi allo studio.
Nella categoria Ragazze debutta Martina Vecchi, ultimo arrivo della squadra diretta da Nibioli e Davide Lorenzini, che dimostra già di non voler rimanere in ombra. Dal metro conquista il 13° posto, vincendo qualsiasi emozione: “Ha carattere, è un innesto prezioso” il commento di Nibioli.
ECCO ALCUNI ESEMPI DAL TRAMPOLINO

Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Omeganet - Internet Partner