Un pizzico di Cano in Tanzania

06/10/2012

Un pizzico di Cano in Tanzania
Michele Mantovani, Socio della Canottieri, quest'estate è partito per una esperienza in Africa. Pubblichiamo il suo racconto di questa generosa iniziativa.

Quest'estate io e altre 6 persone abbiamo passato due settimane nella missione di Wasa, un piccolo villaggio nel sud est della Tanzania.
La missione è stata gestita fino ad una quindicina di anni fa da preti occidentali, ora se ne occupa Padre Giustino, un prete africano che però parla perfettamente italiano. Diciamo che oltre a fare il prete svolge anche il ruolo di sindaco, la presenza del governo è pressoché nulla e quindi svolge anche ruoli di ordinaria amministrazione. Accanto alla missione sorge anche un convento di suore ed una scuola primaria per bambini dai 7 ai 14 anni; le classi sono molte numerose, in media di 45/50 bambini suddivisi in base all'età.
Il governo si occupa di inviare gli insegnati ma a tutto il resto ci pensano le suore e Padre Giustino.
La missione è "finanziata" da un'associazione italiana di Milano, Mwendo. L'organigramma è composto da ragazzi molto giovani e Donata, una delle responsabili, è venuta con noi quest'anno per monitorare la situazione.
Un pizzico di Cano in Tanzania
In sostanza Mwendo si occupa di adozioni di bambini a distanza ai quali, grazie alle quote versate dai "genitori" adottivi italiani, riesce a garantire l'iscrizione alla scuola, il materiale scolastico (quaderni, libri, matite ecc...) e una somma anche per la famiglia.
I bambini sono tantissimi ed è praticamente impossibile adottarli tutti, di solito è padre Giustino a far presente quali sono effettivamente i più bisognosi; tendenzialmente sono bambini orfani che vivono con i fratelli maggiori o con i nonni.
Da 3 anni a questa parte Mwendo si è adoperata anche in un progetto ambizioso, la costruzione di un CTC (Care and Treatment Clinic) per la cura dell' HIV, si tratta sostanzialmente di un ambulatorio dove i malati di HIV possono ottenere di cure mediche che psicologiche. La costruzione delle strutture è tutta ad opera di Mwendo, il governo si è impegnato a mandare medici e medicine una volta che i lavori saranno terminati.

Volevo essere sintetico ma non ci sono riuscito!


Per chi volesse approfondire l'argomento, il sito internet di Mwendo è: http://www.mwendo.org/
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Omeganet - Internet Partner