30 Novembre 2008 - Assemblea ordinaria: ok all'aumento delle quote

30/11/2008

In data 30 novembre 2008 presso l’auditorium della Banca Agricola Mantovana, via Luzio 5, si è svolta l’Assemblea Ordinaria, presieduta da Fausto Amadei, avente ad oggetto il seguente ordine del giorno:
        I.      Relazione sullo stato delle cose dopo i primi 150 gg
     II.      Previsione economico finanziaria 2008
   III.      Quantificazione delle quote sociali di frequenza per l’anno 2009
Il presidente della Canottieri Diego Rossi ha esposto ai Soci le ragioni di convocazione dell’assemblea iniziando ad illustrare lo stato dei lavori realizzati nei primi mesi del consiglio. Il primo punto trattato è quello della sicurezza, che significa anche rispetto delle norme. Rossi a questo proposito, ha ricordato che il certificato di prevenzione incendi era scaduto nel 2005. Inoltre, spiega sempre il Presidente:  "Sarà necessario costruire una recinzione adeguata, per cui sono stati messi in preventivo 20.000 euro. La darsena inoltre necessita di lavori urgenti e costosi".
Non finisce qui, come illustra il consigliere Beghi Gianpaolo; "La vasca filtri della ludica ha bisogno di una sostituzione immediata di alcune tubature, in quanto corrosi dalla ruggine. Sarà poi necessario erigere un muro a per evitare la diffusione dei vapori di cloro, particolarmente corrosivi".
Diego Rossi, prosegue ad esporre le idee del consiglio sul punto relativo al rapporto con i soci e la promozione delle discipline sportive, sia all’interno, che all’esterno, visto che esse sono tramite per la diffusione dell’immagine della società. Ricorda che sono stati presi contatti con il Coni e le Federazioni per organizzare eventi di livello nazionale. In questo aspetto si colloca anche il nuovo sito, in preparazione, che dovrà generare valore attraverso la sua frequentazione. Federico Mazzoli illustra dunque ai presenti il nuovo sito, partendo dal nuovo logo. Mazzoli proietta alcune slides del sito mostrando le diverse aree.
"Ci si baserà sulle informazione e sulla trasparenza, cercando di sensibilizzare tutti al rispetto delle strutture e della sede" spiega ancora il presidente, che sottolinea anche un altro punto importante ovvero la tutela del patrimonio naturale, per cui si vogliono coltivare le tradizioni, magari attraverso la riqualificazione dei bastioni o la creazione di un museo dei nostri reperti storici, c’è in progetto anche la valorizzazione di un’oasi nel centro del percorso vita. Infine i servizi, che dal nuovo sistema informatico al sito aggiornato, passando per un progetto di produzione dell’energia alternativa, mirano anche a ridurre i costi delle utenze sono volati a 175.000 euro.
Rossi termina parlando del bilancio con 70.000 euro di perdita, ma ricorda che il prossimo anno si avranno costi addizionali alla gestione ordinaria per circa 170.000 euro, che riguarderanno la gestione della vasca ludica, la presenza di una guardia medica e del direttore di sede, figura di cui si sentiva la necessità, poi la gestione del verde, l’ospitalità di eventi sportivi e l’Ici dovuta per i nuovi accatastamenti. A parità di entrate il disavanzo è dunque destinato a crescere. La proposta fatta all’assemblea da Rossi è dunque quella di aumentare le quote dagli attuali 250 euro a 274 euro, iva inclusa, per i soci ordinari ed i soci frequentatori. Verrebbe inoltre inserita una nuova quota per i figli di soci dai 6 ai 13 anni, pari a 48 euro per il primo figlio e 24 per il secondo. Rimangono gratis ulteriori figli, mentre nessun aumento di quota toccherà i figli dai 14 ai 17 anni (170 euro) ed i soci ultra settantenni (200 euro).
Interventi al termine di alcuni Soci, che chiedono un aumento delle quote anche  per i maggiori di 70 anni, per ora esclusi.  Giuliano Longfils, raccogliendo il malumore di diversi soci nel riscontrare che le quote per gli ultrasettantenni sarebbero rimaste invariate, propone un aumento di 12 euro da mettere in votazione in assemblea sostenendo che frequentano la sede più di altri e già beneficiano di uno sconto, e che dunque sia giusto che partecipino anche loro all’aumento. Tuttavia in molti hanno già votato ed abbandonato la sala, per cui il Consiglio raccoglie la proposta ma non la mette ai voti.  
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Omeganet - Internet Partner